Blog con le recensioni e le testimonianze sui trattamenti KBioN

Tutte le testimonianze su KBioN vengono rilasciate direttamente dagli utenti sul nostro sito e sono consultabili su ogni singolo prodotto recensito: http://andreanesi.it/shop/ In alternativa, per semplificare, stiamo riportando le recensioni sul KBioN su un blog dedicato. In ogni caso resta il nostro consiglio di consultarle direttamente sul nostro sito al succitato indirizzo....

Giornalismo e lobby: il parere di Ferrero sull’olio di palma diventa verità scientifica! Ma c’è il conflitto di interessi degli scienziati. Silenzio assordante delle istituzioni

Che tristezza leggere le cronache del convegno organizzato da Ferrero sull’olio di palma. Pagine intere sui maggiori quotidiani nazionali, decine di servizi tv e radio e un numero spropositato di articoli in rete sui vari siti. Certo la notizia non si  poteva ignorare, la Nutella è un marchio nazionale e Ferrero è un’azienda di successo internazionale, con una politica molto attenta nei confronti dei lavoratori, dove molti vorrebbero lavorare. Fin qui tutto bene. I problemi cominciano quando si leggono gli articoli dei giornalisti che nel 90% dei casi hanno semplicemente riportato le tesi di Ferrero e degli ospiti presenti senza un briciolo di spirito critico. Il parere di Elena Fattore del Mario Negri,  che ha riportato gli studi sul palma finanziati anche da Ferrero dove si salvano i grassi saturi del palma, oscura i pareri espressi da cinque istituti nazionali e internazionali. Elena Fattore del Mario Negri ha ricevuto, per tre anni precedenti allo studio presentato al convegno, finanziamenti Aidepi. Lo  studio presentato è stato finanziato anche da Soremantec, società di  Ferrero Per la cronaca Elena Fattore oltre ad avere ricevuto finanziamenti per lo studio, nei 3 anni precedenti ha avuto finanziamenti da AIDEPI , l’associazione di categoria che riunisce le grandi aziende produttrici di prodotti da forno e che ha investito milioni nella campagna a favore dell’olio di palma. Un altro relatore del convegno il pediatra Carlo Agostoni oltre ad essere coautore dello studio con la Fattore, ha ricevuto per i 3 anni precedenti  questo studio finanziamenti da Soremartec, una società della Ferrero. I pareri contrari all’uso dell’olio tropicale (che nessuno ha citato) sono dossier pubblicati dall’Agenzia francese...

Le emissioni degli aeromobili

I reattori degli aerei per la spinta utilizzano cherosene o benzina avio, combustibili costituiti da idrocarburi. La composizione delle emissioni degli aerei è quindi analoga a quella degli altri mezzi di trasporto che utilizzano idrocarburi. Le emissioni sono costituite da: inquinanti gassosi (ossidi di azoto NOx, ossidi di zolfo SOx, monossido di carbonio CO); · inquinanti liquidi (idrocarburi incombusti); · inquinanti solidi (particolato costituito prevalentemente da fuliggine, polveri di metallo, impurità, residui di additivi); · non inquinanti (anidride carbonica CO2 e vapore acqueo H2O). Tutte le emissioni, inquinanti e non, sono climalteranti. Il trasporto aereo consuma il 13%[2] del combustibile di origine fossile utilizzato nel settore trasporti, mentre le emissioni rappresentano il 2%[2] delle emissioni totali (3% in Europa[3]). La bassa incidenza percentuale sul totale delle emissioni e la bassa percentuale delle sostanze inquinanti ha indotto molti a ritenere che le emissioni degli aerei siano irrilevanti. Si è proceduto, erroneamente, ad una sorta di semplificazione matematica con la conseguenza che per anni le emissioni del trasporto aereo sono state trascurate e si è diffusa la convinzione che gli aerei emettano SOLO acqua. Talvolta si accenna all’anidride carbonica, ma quasi mai alle sostanze inquinanti se non per rimarcare che sono del tutto irrilevanti. Una scorretta semplificazione matematica che non ha tenuto conto di tre fattori molto importanti: · gli inquinanti non si semplificano perché i loro effetti possono essere dannosi anche in piccole quantità; · nella fase di atterraggio e decollo le emissioni interessano gli aeroporti con significativi danni alla salute delle popolazioni residenti nelle aree limitrofe; · in alta quota si rilascia particolato e idrocarburi incombusti con conseguente impatto...