• 1-800-123-789
  • info@webriti.com

Stintino Contest 2013

Stintino Contest 2013

graffito-federico-per-stintino-2013-new2

Nuovo appuntamento EcoVela Play a Stintino

Non sono passati tanti mesi da quando vi abbiamo raccontato dell’iniziativa EcoVela. Era Ottobre quando ad Alghero Cassik e tanti altri amici hanno partecipato alla raccolta differenziata che ha aperto l’SWK Alghero 2012. L’importante iniziativa ecologica, promossa dall’AICS (Associazione italiana Cultura e Sport), ha visto l’elezione di due giovani EVP Guardians (Federico e Alessia) e la premiazione di due dei partecipanti (Danilo e Lavinia) con un bel weekend a Roma. A poche settimane da Stintino Contest è tempo di riparlare dell’iniziativa EcoVela visto che la manifestazione pasquale verrà nuovamente aperta con un nuovo appuntamento “verde”. Cassik ha intervistato per Windnews il promotore dell’iniziativa, Andrea Nesi.

WN – ciao Andrea, iniziamo ricordando qualche dettaglio sull’iniziativa, a favore di chi non era ad Alghero ad Ottobre e non ha letto altri dettagli in giro. In cosa consiste e quali sono gli obiettivi che si prefigge?

AN – Ciao Giuseppe vorrei prima di tutto ringraziare te e Windnews per l’attenzione che state dedicando all’iniziativa di Ecovela Play nell’ambito del IV° Stintino Contest. Le iniziative di Ecovela Play consistono nell’organizzare una “gara” di raccolta rifiuti associandola ad un evento velico. Laddove possibile, l’ultima volta si è fatto in Settembre, la raccolta rifiuti avviene utilizzando delle piccole imbarcazioni a vela o windsurf, ad esempio. Si parte da un circolo, o una spiaggia comunque, per approdare in un qualsiasi punto della zona muniti di sacchetti e guanti ed iniziare la raccolta. Osservare il litorale dall’acqua consente di avvistare rifiuti e piccole discariche non visibili dalla terraferma perché, ad esempio, coperte dalla vegetazione. Se non possibile andare in acqua, si organizza la pulizia della spiaggia dove si svolgerà l’evento. Così è stato ad Alghero, così sarà a Stintino.

L’obiettivo di Ecovela Play è semplice: diffondere la cultura del rispetto dell’ambiente, della responsabilità dell’individuo a questo riguardo, compiere azioni concrete, ancorchè piccole, come la raccolta rifiuti. Farlo tra chi ama il mare ed il vento, mi è parsa la scelta più naturale.

WN – l’iniziativa Ecovela Play, non è nata a Stintino ma ha avuto altre importanti tappe, la più importante probabilmente quella che l’ha vista legare il suo nome ad una serie di regate veliche durante la scorsa estate. Raccontaci qualcosa. E quali saranno quelli già pianificati per questa stagione?

AN – Esatto! Ecovela Play nasce nel 2010 con un trofeo velico riservato ai multiscafi che si articola in 7 regate tra giugno e settembre sul lago di Bracciano (Roma). Ad ogni regata è collegato un tema ecologico su cui, al termine della competizione, organizziamo un piccolo dibattito. La gara di raccolta rifiuti, che quest’anno ha visto la partecipazione di 23 imbarcazioni ha avuto un successo enorme. Tra l’altro abbiamo scovato una mini discarica di Eternit che abbiamo fatto rimuovere dal comune.

Nel 2013 ovviamente si terrà la IV edizione del succitato trofeo, ma abbiamo già diverse richieste da parte di comuni e circoli velici interessati ad organizzare un evento EVP. La vera sfida sarà quella di trovare il tempo, trattandosi di un’attività gestita in pieno spirito di volontariato, ma ce la metteremo tutta. Coinvolgendo anche altri amici. Tra cui tu?

WN – che l’iniziativa sarebbe stata replicata a Stintino era una notizia già nota da qualche tempo; qualche giorno fa è stato ufficializzato il premio che verrà assegnato a una coppia di partecipanti, che consiste in un bel weekend da passare presso una delle strutture dell’UNAAT. Qual è sarà il programma specifico di Stintino e quali sono le modalità di assegnazione del premio?

AN – Si chiama gara perché c’è un premio offerto dall’UNAAT (un WE per due persone in un agriturismo eco-oriented) ma in realtà non vogliamo scatenare una battaglia a “spintoni” per la vittoria. Il premio difatti, viene assegnato da una piccola commissione composta sul posto (immagino: Andrea Nesi, Giacomo, Sanna, Giuseppe Cassone, Stefano Pisciotta + qualcun altro) secondo alcuni parametri: il più giovane partecipante o il più anziano o l’oggetto più strano ritrovato etc etc.

WN – ad Alghero sono stati nominati i primi due EVP Guardians, una sorta di paladini di questa lodevole iniziativa a salvaguardia degli spot utilizzati dai surfisti. Verrà replicata a Stintino anche questa elezione?

AN – Io mi auguro vivamente che vi saranno altri windsurfisti e non solo che decideranno di diventare EVP Guardians. In questo senso spero che la diffusione attraverso questo articolo faccia giungere nuove candidature.

WN – credo che fondamentalmente il surfista sia comunque conscio dell’importanza della salvaguardia del litorale che frequenta per le sue uscite in acqua e si comportate di conseguenza. Sicuramente molto di più di un turista-villeggiante comune. E’ un’impressione che pensi corrisponda alla realtà?

AN – Ci credo a tal punto che l’ho messo nel nome dell’associazione. Io sono partito da un presupposto: un velista, a maggiore ragione un winsurfista, trae le proprie emozioni dal mare e dal vento. E penso che abbia il dovere di restituire qualcosa in cambio. Certamente si parte da un’ottima base perché il windsurfista è già portato naturalmente a rispettare l’ambiente. Ma non basta più. Io personalmente mi rifiuto di frequentare uno spot dove ci sono rifiuti abbandonati, figli dell’ignoranza più nera. Ho abbastanza rispetto per me stesso da non accettare di passare del tempo tra l’immondizia. Tengo nel furgone sempre sacchetti e guanti e, quando posso, magari mentre mio figlio surfa, raccolgo pacchetti di sigarette, bottiglie, etc etc.

WN – oltre agli eventi istituzionali come quelli EcoVela Play, quali altri consigli/messaggi vuoi trasmettere a coloro che vorranno farsi portavoce di queste lodevoli iniziative, nel loro vivere quotidiano degli spot?

AN – A costo di essere ripetitivo, ti rimando alla risposta precedente. Ecovela Play è vedere un pezzo di carta a terra, raccoglierlo e gettarlo in un cestino. Una cosa semplice, piccola, ma che moltiplicata per tanti diventa rivoluzionaria. Inoltre con questo tipo di approccio, si ottiene un secondo risultato: essere di esempio per chi non ha ancora capito!

WN – A questo punto direi che possiamo darci appuntamento per il 30 Marzo a Stintino, per la “raccolta differenziata” organizzata all’apertura di Stintino Contest. Complimenti ancora per l’iniziativa.

AN – Grazie Giuseppe! Ma i ringraziamenti devono andare anche a Giacomo Sanna che ha incarnato in pieno lo spirito di Ecovela Play offrendo spazi all’interno delle sue importanti iniziative, all’AICS che patrocina stabilmente e concretamente le ns attività attraverso il Presidente Provinciale di Roma Monica Zibellini, all’UNAAT (Unione Nazionale Agriturismi Ambiente) il cui Presidente Nazionale Carlo Dettori (sardo anche lui!) ci sostiene in pieno.

DSC_8980 DSC_8981 DSC_8982 DSC_8983 DSC_8984 DSC_8987 DSC_8990 DSC_8991 DSC_8992 DSC_8993 DSC_8999 DSC_9000 DSC_9001 DSC_9002 DSC_9003 DSC_9004 DSC_9006 DSC_9007 DSC_9010 DSC_9012 DSC_9027 DSC_9052 DSC_9053 DSC_9057 DSC_9065

Paolo