• 0642039420
  • responsabileambiente@aics.it

Pasta integrale

Pasta integrale

Il cosiddetto ” mangiare sano” non è una espressione tanto ”pour parler”, ma costituisce la vera e propria base per potersi prendere cura di sè stessi. Infatti avere una giusta ed equilibrata alimentazione è fondamentale per vivere al meglio e stare ovviamente in salute. Al giorno di oggi, tutti parlano di corretti e completi regimi alimentari ma tuttavia pochi, se non quasi nessuno, ne conoscono completamente il giusto significato. Moltissime persone ignorano il termine ”conoscere” ed il più delle volte non si ricorre quasi mai a chiedere informazioni più dettagliate e precise a degli esperti nutrizionisti. Bisognerebbe armarsi di buona volontà ed informarsi un po, è un nostro interesse. Mangiare sano potrebbe essere visto anche come un’ opportunità, che vi permetterà di migliorare la vostra salute e perché no, di perdere peso se necessario. In cima alla catena alimentare troviamo senza dubbio i carboidrati. La pasta è l’alimento preferito di moltissime persone specialmente dagli italiani essendo un nostro piatto tipico. Ci sono moltissimi tipi di paste,ma quello cui si fa maggiormente uso nelle diete alimentari è sicuramente la pasta integrale. La pasta integrale è un alimento di origine vegetale, e si ricava dalla miscelazione di acqua e semola integrale di grano duro. È fonte di molteplici risorse di benessere per l’organismo: è ricchissima di fibre, di conseguenza è ottima per le persone che soffrono di stitichezza intestinale, calcio e vitamine, sali minerali, ottimi per il corretto funzionamento del nostro corpo. Ha un enorme vantaggio, ovvero quello di rendere subito l’organismo sazio, uno dei tanti motivi a renderla perfetta per la dieta. Ovviamente come tutti gli alimenti ha anche i suoi difetti: è preferibile non farne un uso quotidiano ma è consigliabile mangiarla due/tre volte alla settimana. Ha tempi di cottura molto  più intensi per via delle fibre che interagiscono con il calcio, contenuto nell’ acqua.  Esteticamente non differisce molto dalla pasta tradizionale, il colorito tende ad assente leggermente più scuro per via della farina. Si trova oramai in quasi tutte le forme: corta: penne, maccheroni, farfalle. Lunga: spaghetti e vermicelli. In commercio ce ne sono di moltissime marche differenti variando il prezzo. A mio avviso consiglierei sempre di optare per quella con l’etichetta bio se vi è possibile. Un prodotto che garantisce il miglior grado di sicurezza attualmente disponibile nel nostro Paese. Meglio spendere qualcosa in più senza ombra di dubbio e conoscere al meglio, sempre, ciò che si mangia!

Andrea Nesi

Invia il messaggio

17 + 12 =