Norme per la coltivazione di OGM: l’Europa sempre più divisa

La normativa volta a regolarizzare le colture OGM a livello nazionale, continua ad esser oggetto di discordia tra gli Stati Europei. 

La Presidenza Danese, lo scorso 29 maggio, in occasione della riunione del Coreper, ha espresso la propria volontà in merito ad una votazione, durante il prossimo Consiglio Ambiente, previsto per l’11 giugno, solamente di fronte alla possibilità di giungere ad un accordo. Ma, nonostante i tentativi della Presidenza, Belgio, Francia, Germania e Regno Unito hanno fortemente riaffermato la loro contrarietà alla proposta di accorso. La Commissione, infine, ha reso noto come varie proposte di autorizzazione alla coltivazione di Ogm, siano state messe in attesa, proprio a causa della persistente situazione di stallo.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

17 − diciassette =