• 1-800-123-789
  • info@webriti.com

Le cronache del Grigio – 14 Luglio 2013 – Ancora Nicola Marziale con KBioN!

Le cronache del Grigio – 14 Luglio 2013 – Ancora Nicola Marziale con KBioN!

Il 14 luglio la terza prova di Ecovelaplay, si è svolta su un percorso tradizionale a bastone.
Ospiti d’onore i tre equipaggi del Mambo Sailing Team, è stata vita dura per loro, abituati ai venti costanti del mare.
Già il vento del lago è rafficato ma domenica!!!
Boe piazzate,tutti pronti! Via.
Anzi no, perché da dietro le colline si sono alzate due colonne temporalesche, anche loro arrivate a vedere lo spettacolo di questa dozzina di vele colorate che si incrociano in mezzo al lago intorno a un puntino giallo! (si vede che la manifestazione inizia ad avere una certa “risonanza”).
Il vento è girato giusto di quei 90 gradi per far ripetere tutta la partenza.
Finalmente, via.
Altro pubblico, nuvole nere, arrivano da Anquillara, il vento inizia a danzare con loro e … con noi, raffiche con sbalzi di intensità e direzione dell’ordine dei 10 nodi e 40gradi, una prova di equilibrio.
In qualche modo giro la prima di bolina al secondo posto, indovina chi ha girato prima? Nicola!
Arriviamo insieme alla prima di poppa e Rachele (la mia grande prodiera) mi urla “hanno la precedenza, dobbiamo dargli acqua!” So io cosa gli darei! ma gli faccio spazio, intanto il vento continua la sua “ballata”.
In risalita una buona raffica ci porta sopra vento affiancati, vai! Lo prendo, fine raffica rientro tardi dal trapezio e mi sfila di mezza lunghezza.
Giriamo la seconda di bolina, Nicola,Io e dietro … Volgo lo sguardo e vedo un branco di lupi affamati. Scappo! Raggiungo Nicola sulla boa posizione invertita rispetto a prima e Rachele mi urla “sono interni dobbiamo dargli acqua!” ma perché sempre io? Comunque non discuto ed eseguo, con questo vento non è il caso di rischiare penalità .
Si risale, Lui è lì. Davanti.
Dietro col favore di una raffica un po’ più generosa delle altre Giuliano prova a nascondersi sott’acqua per tagliare il percorso ma appena si immergono le prue lo vedono tutti e deve , a mano, riportare la barca in superficie e proseguire la navigazione come tutti gli altri. Finirà ottavo che dopo una “ingavonata” vale primo!
Imbocco l’ultima discesa e recupero, recupero, recupero tutto o quasi.
Un quasi di un paio di lunghezze che vale il secondo gradino del podio.
Stefanino è terzo.
Io devo stare molto attento a Stefanino e voi … “attenti al Grigio”.
Grazie a tutti.

Paolo