Discariche Bussi, la prescrizione salva gli imputati. Il Ministro Galletti annuncia appello.

approfondimento su discariche Bussi
discariche bussi

approfondimento su discariche Bussi

E’ incredibile ma vero, nel 2014 risulta ancora difficile condannare dei colpevoli di reati ambientali. Eppure a Bussi le discariche ci sono, i veleni anche, i 19 imputati pure, l’azienda che li stipendiava anche (Montedison ndr).

Nessuna condanna per l’avvelenamento, accertato, delle acque e, riguardo il disastro ambientale, altro capo d’imputazione, arriva la derubricazione a disastro colposo e la conseguente assoluzione per prescrizione nel contempo sopraggiunta.

Per fortuna, si fa per dire, il Ministero dell’Ambiente, per voce (anzi twitter) del Ministro Galletti, annuncia che non ha intenzione di accettare questo stato di cose di fronte a reati certi e colpevoli noti. Ricorrerà in appello.

Nel contempo a Bussi restano i veleni che non hanno esaurito la propria pericolosità e continuano ad inquinare le falde acquifere, ma resta anche il forte senso di ingiustizia per le evidenti carenze giuridiche che consentono un epilogo tanto ingiusto, privo di buon senso e carico di amarezza per i cittadini direttamente interessati dal problema ma anche per tutti gli altri ai quali questa sentenza giunge come messaggio tutt’altro che rassicurante.

Speriamo nell’appello!!!
Andrea Nesi