AMBIENTE: AICS, SE LO ABBANDONI IL RIFIUTO SEI TU, ADERISCE COMUNE SAN DEMETRIO

Nuova adesione di una amministrazione che dimostra sensibilità verso il drammatico problema dell'abbandono dei rifiuti in strada. E si viaggia verso quota 1000 testimonials. Con l'adesione del comune di San Demetrio Corone, in provincia di Cosenza, si allunga la lista delle amministrazioni che aderiscono con delibera ad hoc alla campagna di sensibilizzazione contro l'abbandono dei rifiuti, lanciata nello scorso giugno dalla commissione nazionale ambiente di AICS denominata "Se lo abbandoni, il rifiuto sei tu!".  La delibera non ha un costo per il comune ma lo impegna a fornire ad AICS Ambiente le foto dell'intera giunta con al giunzaglio un rifiuto o dei rifiuti di varia natura. AICS Provvede a realizzarne una locandina che successivamente il comune provvede a sua volta a stampare e diffondere sul proprio territorio. Una campagna semplice ma di grande impatto che si sta allargando a macchia d'olio tra cittadini, personaggi pubblici, pubbliche amministrazioni.   "Siamo grati al comune di San Demetrio Corone ed in particolare alla consigliera Sonia Gradilone, nostra testimonial della prima ora, che si è prodigata per ottenere questo risultato. Ci stiamo avvicinando rapidamente a quota 1000 testimonials, il che ci consentirà di segnare una prima pietra miliare su un cammino che, nelle nostre intenzioni, non dovrà avere termine, coinvolgendo sempre più persone, nel tentativo di educare con l'esempio" è il commento di Andrea Nesi coordinatore nazionale della commissione ambiente di AICS...

Il tasso di degrado ambientale mette a rischio la vita sulla Terra

Degrado ambientale: due nuovi studi affermano che stiamo erodendo i nostri sistemi di supporto vitale ad un ritmo mai visto negli ultimi 10.000 anni. I ricercatori dicono che il degrado ambientale è al culmine e già quattro dei nove processi necessari a garantire la vita sulla Terra, hanno superato i livelli di sicurezza. Gli esseri umani stanno "erodendo i sistemi di supporto vitale" ad un tasso mai visto negli ultimi 10.000 anni, degradando eco-sistemi terrestri e d'acqua dolce, emettendo quantità eccessive di gas serra e rilasciando grandi quantità di prodotti chimici agricoli nell'ambiente, conferma lo studio. Due importanti nuovi studi da parte di un team internazionale di ricercatori hanno individuato i fattori chiave che assicurano un pianeta vivibile per l'uomo, con risultati solidi e di lungo periodo. In tutto il mondo, di nove processi che sono alla base della vita sulla Terra, quattro hanno ormai superato i livelli di "sicurezza" – cambiamento climatico causato dall'uomo, – perdita di integrità della biosfera, – cambiamento del sistema terra nel suo complesso  – alto livello di fosforo e azoto che riscontrato negli oceani a causa di uso eccessivo di fertilizzanti e diserbanti I ricercatori hanno dedicato cinque anni ad identificare le componenti fondamentali di un pianeta adatto alla vita umana, utilizzando uno schema di medio-lungo termine per ciascuna misura al fine di ottenere una solida base di dati per l'analisi dei risultati. Grazie a questo studio, si è scoperto che i cambiamenti degli ultimi 60 anni sono senza precedenti negli ultimi 10 mila anni, periodo in cui il pianeta ha avuto un clima relativamente stabile e la civiltà umana è avanzata significativamente. I livelli di anidride carbonica, a 395,5 parti per...