PERCHE’ DICIAMO NO ALLA MANIPOLAZIONE GENETICA IN AGRICOLTURA

Perchè si brevettano i processi di modifica, creando una dipendenza economica verso le multinazionali che li detengono, e non si contribuisce di sicuro a liberare dalla fame i poveri nel mondo. I semi modificati geneticamente, vengono brevettati, in alcuni casi resi sterili, quindi non si possono utilizzare per una moltiplicazione in azienda, obbligando i contadini a riacquistarli ogni anno.
Perchè le modifiche introdotte nel genoma di una pianta possono, per impollinazione incrociata, trasferirsi ad altre piante.Inoltre le modifiche introdotte per creare resistenze a determinati parassiti (ad es. la piralide del mais) generano una selezione fra i parassiti rendendo la specie ancora più virulenta e difficile da controllare. La resistenza agli erbicidi, una delle modifiche più importanti, può essere trasferita a tutte le piante della natura, comprese quelle cosiddette infestanti, che diventerebbero a loro volta resistenti agli erbicidi.E’ pretestuosa quindi l’affermazione che le nuove sementi potrebbero risolvere il problema dei parassiti eliminando l’uso degli antiparassitari di sintesi. Ad essi si dovrà  alla fine far comunque ricorso ed in dosi massicce
Perchè la modifica dei patrimoni genetici naturali è pericolosa. Può creare danni irreversibili all’uomo. Ci sono grandissimi dubbi da parte di un numero crescente di scienziati di buonsenso, circa gli effetti che i prodotti ottenuti da piante geneticamente modificate possano direttamente, o indirettamente attraverso la catena alimentare, influire sul metabolismo dell’uomo. Primo fra tutti il procedimento introdotto per rendere sterile la pianta: come impedire che non si trasmetta su animali e persone ?
Perchè è moralmente, eticamente inaccettabile che l’uomo tenti di modificare ciò che la natura ha creato in millenni, solo a scopo di profitto economico, neanche a vantaggio della collettività  Le multinazionali dell’Agribusiness promotrici di questa nuova “rivoluzione” sono interessate ai propri profitti e non, come dicono nella loro pubblicità  a “salvare l’umanità  dalla fame”. Infatti a soffrire la fame sono proprio i contadini poveri ed i braccianti che non hanno accesso alla terra ed agli altri fattori produttivi acqua, sementi che sono sempre più nelle mani di grandi organizzazioni produttive e finanziarie, che dominano anche i mercati mondiali. La brevettazione delle sementi esaspererebbe ancora più questa concentrazione di potere e quindi la fame dei poveri.
Perchè si rischia di danneggiare la biodiversità , cardine dell’equilibrio naturale di ogni specie vivente. La temuta affermazione di sementi brevettate che generano piante e frutti di un certo tipo, imposte ai consumatori con la pubblicità  consumistica e dalle grandi catene di distribuzione, porterà  inevitabilmente alla perdita della maggioranza di specie e varietà  naturali, selezionate nel tempo, e ognuna adatta ad un determinato territorio, clima, risorse idriche ecc.
Chi vuole approfondire questi temi, può visitare la pagina
www.rfb.it/csa